Seguici su 
Le associazioni sul territorio
IN PRIMO PIANO     » L'esperto risponde     » Area Giovani     » Area Soci     » News     » Fotogallery     » Video

Lo sport come strumento per l’autonomia.

Lo sport è fonte di benessere psico-fisico, è strumento di realizzazione personale e di inclusione sociale. Le persone con disabilità, attraverso la pratica sportiva, possono fare esperienza delle proprie capacità e abilità, possono acquisire sicurezza superando barriere, prove, sfide, possono sviluppare il senso pratico e l'autonomia.

Migliorare l’autonomia e la qualità di vita dei nostri ragazzi sono da sempre i miei obiettivi.


Come Presidente di ASBI, ma ancora prima come mamma di una ragazza con spina bifida, ho sempre considerato lo sport un eccellente strumento di aggregazione, di stimolo e questa convinzione mi ha portata ad organizzare, con il supporto di Freerider Sport Events, i “Summer Camp”.

I Camp non hanno il solo obiettivo di far trascorrere un divertente soggiorno ai ragazzi partecipanti ma hanno soprattutto obiettivi educativi volti ad offrire possibilità di crescita e conquista di autonomie tramite la pratica sportiva. Le attività proposte durante i Camp, rappresentano occasioni importanti per imparare a stare con gli altri, assumersi nuove responsabilità, acquisire competenze sui luoghi, svolgere attività importanti per la crescita, ma soprattutto per imparare a conoscersi come individui nella relazione con gli altri e con l’ambiente.
Ogni disciplina sportiva, oltre all’importanza del benessere fisico, sviluppa delle abilitá e porta con sé delle precise dinamiche che consentono di interagire, di mettersi in gioco e di dimostrare quali possono essere le reali capacità di ciascuno.
Lo sport è la situazione ideale in cui si sperimenta il confronto con l’altro e con i propri limiti, si apprende il rispetto delle regole e il gusto dell’impegno ma, allo stesso tempo, viene a mancare la presenza costante della famiglia o di ulteriori “protezioni” che, alcune volte, possono impedire ai nostri ragazzi di esprimere sé stessi.

Lo stimolo, la consapevolezza e l’organizzazione sono elementi chiave per aprire la porta all’autonomia.
Anche il “Summer Camp 2017” sarà un Camp ricco di contenuti e di obiettivi.
Non mancare,
Ti aspettiamo !


Maria Cristina Dieci

 


TUTOR AL SUMMER CAMP ASBI ITALIA 
#hoalipervolare

 

Chi è?

Il tutor è un giovane con spina bifida che ha già fatto esperienza di diverse attività proposte e organizzate da ASBI Italia, realizzando per sè un percorso di crescita e di autonomia, oggi raggiunta.

 

Quali competenze deve avere?

Al tutor è richiesta una conoscenza del Progetto “Fun&Sport” e dei relativi obiettivi.
Il tutor deve possedere una conoscenza di base delle dinamiche di gruppo e deve avere competenze circa la loro gestione.
E' inoltre richiesta la conoscenza della lingua inglese e la padronanza delle strumentazioni informatiche.
 

Cosa fa?

Il tutor è una testimonianza concreta e vissuta con passione degli obiettivi che il Progetto “Fun&Sport” vuole raggiungere con tanti ragazzi e le loro famiglie.
Il tutor ha il compito di aiutare, guidare e motivare i partecipanti ai Camp attraverso un aiuto concreto (dallo svolgere le attività della quotidianità, a quelle sportive). Attraverso questa condivisione deve cercare di sostenere in ogni giornata un clima di accoglienza, fiducia e incoraggiamento verso tutti i ragazzi.
 
 
La Domanda di partecipazione alla Selezione a Tutor al "Summer Camp 2017" deve essere inviata al seguente indirizzo: segreteria@spinabifidaitalia.it, entro il 31 maggio 2017.

La selezione delle domande sarà effettuata da ASBI Italia.